Meditazione del mattino 10 giugno – X domenica del Tempo Ordinario

Cos’è che ci ostacola ad essere di Cristo a vivere intensamente la fede? Nessuno può sentirsi svincolato da questo cammino eterno, perché la vita dell’Eternità è qualcosa di straordinario che, se non capita, porta alla dannazione eterna! Chi di noi può sentirsi incapace di comprendere l’insegnamento di Gesù, se non quelli che rifiutano, che non accettano, che non credono. La bestemmia è un mezzo per distruggersi. La maggiore o peggiore bestemmia è quella di giudicare la profondità e la bontà del Dio altissimo. Ciascuno diventi forza e preghiera per chi non ce la fa o per chi non è disponibile nell’amare.

Piccolo pensiero Mariano

“Figli miei, non siate duri con voi stessi, ma lasciatevi convincere che il bene, può superare la tristezza. Gli affanni e le preoccupazioni, ricordatelo che tutto accetta mio figlio, tutto perdona mio Figlio: ad esclusione di ciò che voi non vorrete farvi perdonare. La chiesa sta attraversando un momento difficile, il male sta devastando la vigna di mio Figlio. Voi, figli miei, potete salvarla da tale rovina se sarete sentinelle per allontanare la devastazione. Si, figli, sentinelle vere, buone e caritatevoli, sopratutto tra di voi. Siate sentinelle, figli! Diventate guardie contro questa piaga infettiva, che si sta allargando a macchia d’olio, un vostro sguardo affettivo è come se fossi io stessa a farlo, figli miei”.

Buongiorno amici e buona domenica a tutti! Ecco diventiamo sentinelle della nostra famiglia, dei luoghi che frequentiamo, della Chiesa! Benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il soldato vigile” di Dio. Amen.

Precedente Pensiero del mattino di sabato 9 giugno 2018 Successivo Pensiero del mattino di martedi 12 giugno 2018

Lascia un commento


*