Meditazione spirituale della Quinta Domenica del Tempo Ordinario – 4 febbraio 2018

Le tentazioni sono come le delizie dei primi frutti di stagione che fanno gola, e chi ne viene a contatto dovrà combattere per non cedere. A volte diventa una impresa ardua, specialmente per chi, poi, non è disponibile a perdonarsi e a perdonare. Tutti veniamo tentati, ognuno cerca di superare come può. Viviamo nell’attenzione del Vangelo! Nella pagina di oggi si legge che Gesù si isola per riflettere, meditare e pregare. Chi di noi non viene preso dal desiderio della tentazione? Ma il Signore non ci ha lasciati da soli, ha predisposto, per chi si ravvede, il Santo perdono. Dietro ad ogni tentazione c’è una finta gioia seguita dalla sofferenza, ma se siamo pentiti ci sarà l’abbraccio di Gesù. Sentiamoci sempre figli del cielo.

Piccolo pensiero Mariano

“Figli dell’amore del Padre abbandonate il malcostume, riprendete in mano la speranza, e per mezzo di essa, della sua forza, attraverseremo l’inferno del peccato, del castigo. Ognuno si apra all’amore; mio Figlio è sempre pronto a lottare per non farvi ammalare di solitudine, di amarezze, di vizi, di perdizione. Io sono la madre Sua e madre vostra, pregate così: “Sostienici, Vergine Maria, in questo nuovo meraviglioso giorno e così sia”.

Buongiorno, amici, e buona domenica a tutti, mettiamo in pratica la verità. Vi benedico.

diacono don Emilio Cioffi, il “seminatore” di Dio. Amen.

Precedente Pensiero del mattino del 3 febbraio 2018 - San Biagio Vescovo. Successivo Pensiero del mattino di lunedi 5 febbraio 2018.

Lascia un commento


*