Meditazione spirituale della Terza Domenica di Pasqua – 15 aprile 2018

Tiriamo avanti come abbiamo sempre fatto, anche se il mondo oggi è sconvolto dalle tante guerre fisiche e spirituali, non disperiamo, perché in quello non c’è l’eternità e nell’eternità non ci potrà mai essere quello che l’uomo crudele compie sulla terra. I giusti splenderanno sempre davanti a Dio e davanti agli uomini, siamone certi, Cristo ha vinto per sempre la morte! I tormenti non mancheranno mai, finché il peccato sarà presente nell’uomo.

Piccola meditazione Mariana

“Figli amatissimi, il peccato è quella parte dell’umanità che porta l’uomo al combattimento, ma soprattutto il peccato serva a dar vita alla fiducia per mio Figlio Gesù che è morto per i peccati dell’umanità. Troppi dissidi abbondano nel cuore dell’uomo perché non distingue più il bene dal male, vive per sé stesso, vive per soffocare e distruggere i deboli. Mio Figlio sa che tutto questo deve accadere perché ogni uomo che soffre sale sulla croce e sulla croce c’è la morte, ma solo una morte apparente perché la Risurrezione è presente nella sofferenza di ognuno che ripone la fiducia in mio Figlio Gesù”.

Buongiorno, amici, e buona domenica… non fatevi mancare la messa, la confessione e la comunione. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il sottomesso totale a Dio” di Dio. Amen.

Precedente Pensiero del mattino di sabato 14 aprile 2018 Successivo Pensiero del mattino di lunedi 16 aprile 2018

Lascia un commento


*