Meditazione spirituale della XIII Domenica del Tempo Ordinario – 1 luglio 2018

La costanza nel fare le cose è segno di stabilità. Cercare di vivere secondo natura e’ seguire il creatore. Vivere solo nella propria dimensione, si esclude la grazia di Dio. Noi tutti dobbiamo partecipare in modo semplice alla vita quotidiana dell’amore. L’amore non è un treno che corre veloce, ma è un gustare il proprio tempo con sottomissione a Dio. Chi non vuole partecipare al regno di Dio è solo e non ha voglia di amare nessuno e tutte le scuse e i suoi pretesti diventano la sua forza per confondere i deboli. Cercate Dio in ogni cosa in ogni gesto e lasciate che la Sua potenza possa prendere possesso dei nostri giorni.

Piccola meditazione Mariana

“Figli, siate sempre pronti per essere chiamati al Cielo. Non permettete a nessuno di distrarvi dal regno del Cielo. Cristo, mio figlio Gesù, ha salvato questa umanità attraverso il suo sangue, la sua sofferenza e la mia accettazione al dolore. Chi di voi non si sente figlio non potrà sentire la mia maternità e quanto lo amo. I giorni avvenire si trasformeranno in lotte, in fuoco, in acqua; solo alzando lo sguardo al Cielo è possibile trovare la speranza. Siate figli come io sono Madre per Amore”.

Buongiorno, amici, buona domenica a tutti. Raccomando la santa messa è l’unico mezzo per guarire dalle nostre sofferenze spirituali. Talita kum!… Alzati! Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “l’autista personale” di Dio. Amen. Ave Maria.

Precedente Pensiero del mattino di sabato 30 giugno 2018 Successivo Pensiero del mattino di lunedì 2 luglio 2018 - Madonna delle Grazie

Lascia un commento


*