Pensiero spirituale del mattino di sabato 4 agosto 2018

La fede è sete.

Ci affanniamo solo per cercare le cose che ci fanno piacere, come per esempio un ristorante o una pizzeria speciale, gioendo come l’assetato gioisce di fronte all’acqua fresca. Tutti passiamo il tempo a cercare. Si cerca il lavoro, si spera in un amore vero, per non parlare del successo. Tutti hanno voglia del meglio e nessuno può dire che nella sua vita non abbia dovuto cercare qualcosa. Cercare il buono, il meglio, l’esclusivo. Ma la fede?  Nessuno di quelli che dicono di non aver fede si mette a cercarla, né si sforzano di sapere come si può fare per trovarla. La buona volontà e il desiderio di capire il mistero di Dio potrebbe essere una soluzione per chi ha voglia di capire. Infatti, se non c’è volontà, è come uno che ha fame e sete ma non cerca, credendo di poterne farne a meno. Buongiorno, amici, sia la vostra giornata piena di ricerca della fede vera.  Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il riposante” di Dio. Amen.

Pensiero spirituale del mattino di venerdì 3 agosto 2018

 Abusi estivi…

Non si chiama “divertirsi” se poi il “divertimento” diventa una scusa per commettere abusi stravaganti. Perché trasformare una semplice vacanza in occasione per compiere abusi estremi? Liberiamoci, amici, dalla smania del “tutto posso”, “tutto devo fare”, ”tutto devo provare”…è solo una sciocchezza che porta una montagna di stress e peccati indesiderati. Invece, lasciamoci guidare dalla naturalezza e dalla spontaneità del creato, dove tutto si svolge con il ritmo giusto, con saggezza e verità. Per ricevere benessere da una vacanza, basta portare anche Dio in ferie, la preghiera a fare la spesa al Conad, la santa messa come “fuoriserie” e la schiera dei santi come guardiani di casa. La vera vacanza è farla bene… nel bene. Anche la propria anima, come il corpo cerca il suo refrigerio. Buongiorno, amici, con grande gioia vi auguro una buona vacanza. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il gondoliere” di Dio. Amen.

Pensiero del mattino di giovedì 2 agosto 2018

Sotto il dominio…

Oggi sono le macchine che ci ricordano di dire “grazie, prego, scusami, introduci, attendere…” Ecco cosa siamo diventati: persone che si lasciano guidare dai cuori di ferro, dalle anime a gasolio e articolazioni elettriche! Cosa stiamo cercando? Dove vorremmo arrivare? Forse a costruire macchine che si possano ammalare al posto nostro? O che possano prendere i nostri dispiaceri, i nostri dolori? Una continua ricerca per non soffrire più, per non morire mai? Come possiamo pensare che attraverso le macchine é possibile colmare i nostri sentimenti o metterci alla pari di Dio! Quanta poca voglia c’è di amare con sentimenti veri! Così alla fine l’uomo consulta le macchine anziché Dio, e crede di superare il suo creatore (cosa che ha già fatto satana e sappiamo la sua fine!). Amici, tante cose buone si possono ottenere dalle svariate macchine e robot, se non si pretende di fargli prendere il posto dell’uomo rubando il suo ruolo, il suo lavoro, la sua santa dignità. Chi dobbiamo ringraziare se il lavoro che dovrebbe svolgere l’uomo è sostituito da questi cervelli sintetici comandati a distanza? Ben venga il progresso, ben vengano i robot ben vengano le cosiddette innovazioni, ma non dimentichiamo che le lacrime e il sudore dell’uomo non può essere mai sostituito da una macchina senza emozioni, comandata da uomini che vogliono superare Dio. Buongiorno, amici. Auguro che possa tornare l’uomo al primo posto. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il vacanziere” di Dio. Amen.

A ciascuno il suo… Facciamo un percorso di vita esemplare fin dal mattino! È necessario affidare tutto ciò che si vuole fare a Dio, lui saprà quello che è buono per noi, per non farci fare male, per far sì che non lavoriamo invano. Proviamo a dialogare con Dio, a cercare in lui quelle risposte giuste per evitare di soffrire. Non possiamo allontanarci da Dio, farlo significa prendere altre direzioni che possono provocare fallimenti profondi al nostro nuovo giorno . Perciò amici bisogna avere pazienza è fede e dialogare sempre con Dio, solo fidandoci del nostro Creatore è possibile non sbagliare. Ogni giorno la fede e l’amore per nostro Signore vanno rinnovate, proviamo a dire: “Signore ti affido questo bellissimo nuovo giorno. Buongiorno amici, la pazienza è una virtù che si accompagna alla fede. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “l’assetato di fede” di Dio. Amen.

Pensiero del mattino di lunedì 30 luglio 2018

Normale…

Ogni giorno si combatte. Anche questa giornata che sta per iniziare avrà le sue battaglie, piccole o grandi che siano, sempre in assetto di guerra contro l’ingiustizia che l’uomo senza Dio provoca! Che ci possiamo fare, la vita è fatta di così, Dio ci ha creati per far sì che potessimo realizzarci tutti, ma purtroppo non è sempre così. Si lotta dalla mattina alla sera per difendere la propria dignità, difendere ciò in cui si crede, i propri bisogni e i propri valori. Non demordiamo, ma andiamo avanti affidando al Signore il nostro futuro, le nostre giornate. Lui saprà come farci schivare le trappole diaboliche. Amici, non diamo troppo retta a chi ci ostacola, ma costruiamo sempre il bene! Facciamo in modo di non stancarci mai del bene e di compiere cose meravigliose, anche se il male pensa che possa essere lui protagonista della nostra vita. Le false apparenze, le false idee, i falsi propositi, tutti prima o poi cadranno: la nostra forza è la sincerità. Buongiorno, amici. Vi auguro una serenissima giornata e vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il dispensatore di tranquillanti spirituali” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della XX Domenica del Tempo Ordinario – 29 luglio 2018

Sacrifichiamoci per fortificare il bene, il rispetto, per vivere dignitosamente. Troviamo la strada giusta affinché ognuno di noi possa ascoltare la parola di Dio che illumina al momento giusto. Non troviamo scuse per non frequentare i luoghi di culto la domenica e i giorni festivi, per vivere nella dimensione spirituale che ci lega a Cristo, che è il Re e la centralità della nostra vita, affinché da lui e attraverso di lui, Dio conceda le grazie e il cibo dell’anima. Mai dimenticare che rimane sempre la preghiera, l’amore vicendevole e il dov’eravamo per non aver fatto del bene; chi non segue queste regole non può vivere che in sé stesso.

Piccola meditazione Mariana.

“Figli, vedete com’è bello guardare il cielo quando non ci sono nuvole che coprono la sua profondità, i suoi colori? Così deve essere anche la vostra anima: profonda, limpida, chiara! Il peccato è sempre rappresentato da Satana, e per ogni bestemmia, ogni insulto, ogni profanazione quell’azzurro diventa nero, fino a quando non viene coperto del tutto, fino a quando non spegne la vostra gioia, la vostra vita, il desiderio di amare. Accostatevi al Sacramento della confessione per riconciliarvi con mio Figlio Gesù, per far sì che l’azzurro del cielo riprenda possesso della vostra anima”.

Vi benedico. Buongiorno amici. Vi auguro tantissima Fede per superare ogni ostacolo! Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il segnalibro” di Dio. Amen.

Pensiero del mattino di sabato 28 luglio 2018.

La tua volontà?

Cosa facciamo noi per stare bene, per vivere tranquilli? Può bastare l’agiatezza? Credo proprio di no. Forse avere tanti amici con cui condividere le serate nelle pizzerie o alle feste? Solo finte gioie. Invece stare bene interiormente significa vivere una vita in sintonia con Dio. Amici, stare bene credetemi è avere un rapporto con Dio, col cercarlo, desiderarlo, amarlo, questa comunione ci aiuta a stare bene nella vita quotidiana e col nostro prossimo. Seguiamo i buoni consigli se vogliamo sopravvivere in questa giungla disumana, dove ognuno si sente libero di poter offendere e fare violenza a proprio piacimento. Raccogliamo questo invito, è l’unica strada per vivere sereni. Tutto ci viene reso, l’indifferenza a Dio é la peggiorare cosa che l’uomo possa usare nei confronti del proprio Creatore. Chi invece testimonia Dio, testimonia la gioia della vita con esempio di bontà e di pace. Buongiorno, amici. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “la Freccia del Sud” di Dio. Amen.

Pensiero del mattino di venerdì 27 di luglio 2018

Sarà vero. A volte pretendiamo di essere maestri anche su argomenti che non conosciamo bene, e nonostante siamo male informati, vogliamo trarre giudizi. Il cattolico ha regole ben precise dettate da Dio agli uomini, che lui stesso mette a servizio del popolo. A differenza di molte altre religioni, noi abbiamo il Papa che è capo supremo della chiesa cattolica e rappresenta Gesù Cristo ed è custode della fede e dei dogmi della fede. Non possiamo fare giudizi personali che possono indurre le persone deboli a sbagliare. Facciamo distinzione tra venerare ed adorare:  si venerano i Santi e la beata Vergine Maria; si adora Dio, Gesù, l’Eucaristia. Alcuni simbolismi servono a facilitare la comprensione della nostra fede. Mai essere maestri perché solo uno è maestro ed è Gesù; la Chiesa è il corpo mistico di Cristo di cui lui solo è il capo e tutti noi siamo le membra. Buona giornata a tutti, amici. Sia la nostra giornata piena di luce. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il costruttore di pace” di Dio. Amen.

Pensiero del mattino si giovedi 26 luglio 2018 – Memoria dei Santi Gioacchino ed Anna

Auguri a voi tutti che portate questi nomi.

La chiarezza. A volte le cose più semplici diventano difficili, come per esempio una buona alimentazione, un corretto comportamento ed una forte costanza a continuare le cose giuste. Educhiamo il nostro corpo ed evitiamo le molteplici voglie dannose. È proprio vero: è più facile giudicare gli altri che giudicare se stessi! Per chi non lo sapesse, come si suol dire, “la lingua è lunga” ed è quasi sempre in movimento…a volte muscolo incontrollabile per alcuni di noi! Però non dimentichiamo che anche la gola per alcuni diventa più lunga della lingua, per gli abusi alimentari. Allora, amici, qual è la strada giusta da seguire se non quella della volontà di Dio? Dio non ci ostacola sulle nostre decisioni sbagliate, ma poi ne paghiamo le conseguenze. Ad esempio esagerare nel mangiare ha poi la conseguenza di non farci stare in buona salute. Allora non lasciamoci prendere dalla gola lunga e dalla lingua tagliente per evitare di trasformiamoci in divoratori seriali e pagarne dopo le conseguenze, magari dandone anche la colpa a Dio. “Prevenire è meglio che curare”, che dite? Buongiorno, amici, Vi auguro di assaporare bene…il Bene! Vi benedico,ù.

Diacono don Emilio Cioffi, “il cerca cicoria” di Dio. Amen.

Se vi va di pregare con me, ore 8:00 santo rosario in diretta streaming – sito www. lalucechecercavi.net

Pensiero del mattino di mercoledi 25 luglio 2018 – San Giacomo Apostolo

Giocando con la serietà. Spesso vogliamo manipolare la ragione facendo passare delle false verità. Come possiamo appoggiare l’immoralità mascherandola dietro ad una falsa libertà; come possiamo accettare la violenza e professarci uomini e donne di pace; come facciamo a spacciare i vizi come simpatici atteggiamenti…?! Tutte le cose negative che accettiamo ricadono sulla società, su noi tutti. Rifiutiamo i violenti, rifiutiamo chi vive nella illegalità, nel sotterfugio, tutti dobbiamo dissociarci e denunciare chi crea squallore e morte, far finta di non vedere non è un buon comportamento, così si diventa complici. Dio non “manda sentenze”, Dio non uccide, ma lascia a tutti una volontà di scelta, per il bene o per il male e noi tutti dovremmo essere guardiani e richiamare chi si permette di disturbare la quiete con atti e violenze gratuite. Allora, senza vergogna, facciamoci riconoscere che noi siamo contrari ai loro comportamenti con un bel segno di croce per dire “no questo non si fa!” Buona giornata di buona guardia. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il faro tra gli scogli” di Dio. Amen.