Pensiero del mattino di martedi 7 agosto 2018

C’è Dio?

A volte, quando succedono disastri, sciagure o ingiustizie, provocate dall’uomo, facilmente si accusa Dio che non interviene per cambiare la realtà e punire i cattivi della nostra società. È facile vedere Dio come giustiziere dei soprusi da parte di chi si crede re su questa terra. Allora direi che Dio dovrebbe punire tutti, visto che molti di noi che si reputano giusti pur vedendo le ingiustizie, tacciono. Dio ha messo dentro tutti noi la coscienza che dovrebbe essere la sua voce, un sensore spirituale che dovrebbe farci essere maestri e giudici di noi stessi e poliziotti per gli altri, per far sì che tutti possano allontanarsi dal male, ammonendo i corrotti, i delinquenti e gli sfruttatori. Nessuno può tacere perché farlo significa essere colpevoli degli stessi reati. Perciò non diamo la colpa a Dio, ma a chi non rispetta Dio e noi. Buongiorno, carissimi, auguri a tutti quelli che fanno del vero bene. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, la “ragnatela” di Dio. Amen.

Precedente Pensiero del mattino di lunedì 6 agosto 2018 Successivo Pensiero del mattino di mercoledì 8 agosto 2018

Lascia un commento


*