Meditazione spirituale della XI Domenica del Tempo Ordinario – 17 giugno 2018

La solitudine a volte è importante sentirla perché nella solitudine ripercorriamo tutta la nostra vita. È come camminare su una strada lunga che non finisce mai, però serve per riconciliarsi con Dio! Dio è la nostra forza e dobbiamo comprendere la sua presenza. Viviamo, nella lotta contro il male, appoggiandoci alla preghiera, facciamo in modo che la nostra preghiera diventi un bastone per caricarci sopra il nostro peso, la nostra solitudine. Cristo è la speranza di ognuno: vivere in lui e raccontarsi; e raccontare di lui a chi di lui non sa.

Piccola meditazione Mariana.

“Figli del mio cuore, lo sguardo di ognuno deve essere rivolto a mio figlio Gesù; chi non guarda al suo cuore non può guardare al futuro e il materialismo prenderà potere. Figli amatissimi trasformate le vostre giornate in preghiera per costruire una pace duratura: se manca la pace dove voi vivete è perché manca la preghiera dell’amore, fatta col cuore. Sottomettetevi al mio cuore, lasciate che il mio cuore possa entrare nelle vostre famiglie, nelle vostre case, per far sì che la presenza del mio cuore possa addolcire e convertire i cuori malati dal fumo del peccato. Mio Figlio è dove sono io e io sono con voi, se mi volete”.

Buongiorno, amici, buona domenica a tutti. Vi ricordo che questa sera c’è l’adorazione eucaristica dalle ore 18:00 alle ore 19:00 in diretta streaming. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “lo sprovveduto” di Dio. Amen.

Precedente Pensiero del mattino di sabato 16 giugno 2018. Successivo Pensiero del mattino di lunedi 18 giugno 2018

Lascia un commento


*