Meditazione spirituale del 22 aprile domenica “Gesù Buon Pastore”

Raduniamoci intorno al Cristo Risorto. Troviamo la strada per arrivare ai pascoli erbosi dove le Grazie non mancheranno mai. Cristo, pastore di questa Chiesa terrena, è sempre presente nell’Eucarestia, non allontaniamoci da Essa. Non diventiamo pecore disperse, ma pecore che annunciano e testimoniano il Vangelo. Lasciamoci tosare dal padrone delle pecore, facendo ciò ci renderà liberi e puri dal peccato. Piccola meditazione Mariana Figli amatissimi, troppi mali hanno preso potere nei cuori di tanti figli dispersi, la forza dell’amore su questi figli è molto debole per ricondurli alla verità. Il male ha fatto presa sopra di loro ed è sempre più difficile ricondurli a Dio. Pregate affinché mio figlio Gesù, Buon Pastore, tocchi il cuore di ognuno di loro. Molto presto il peccato farà più rumore del solito. Amate la Parola e benedite i vostri nemici. Buona domenica a tutti amici, vi ricordo che la Messa domenicale è importantissima se vogliamo appartenere a Gesù e Maria. Vi benedico.

diacono don Emilio Cioffi, il “amo il crocifisso” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della Terza Domenica di Pasqua – 15 aprile 2018

Tiriamo avanti come abbiamo sempre fatto, anche se il mondo oggi è sconvolto dalle tante guerre fisiche e spirituali, non disperiamo, perché in quello non c’è l’eternità e nell’eternità non ci potrà mai essere quello che l’uomo crudele compie sulla terra. I giusti splenderanno sempre davanti a Dio e davanti agli uomini, siamone certi, Cristo ha vinto per sempre la morte! I tormenti non mancheranno mai, finché il peccato sarà presente nell’uomo.

Piccola meditazione Mariana

“Figli amatissimi, il peccato è quella parte dell’umanità che porta l’uomo al combattimento, ma soprattutto il peccato serva a dar vita alla fiducia per mio Figlio Gesù che è morto per i peccati dell’umanità. Troppi dissidi abbondano nel cuore dell’uomo perché non distingue più il bene dal male, vive per sé stesso, vive per soffocare e distruggere i deboli. Mio Figlio sa che tutto questo deve accadere perché ogni uomo che soffre sale sulla croce e sulla croce c’è la morte, ma solo una morte apparente perché la Risurrezione è presente nella sofferenza di ognuno che ripone la fiducia in mio Figlio Gesù”.

Buongiorno, amici, e buona domenica… non fatevi mancare la messa, la confessione e la comunione. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il sottomesso totale a Dio” di Dio. Amen.

Meditazione della Seconda Domenica di Pasqua – 8 Aprile 2018 – giorno della Misericordia.

“Perché cercate tra i morti colui che è risuscitato?” La Misericordia di Dio si è manifestata a tutti noi con la sconfitta della morte e la vittoria con la Sua resurrezione. Liberate la “vostra Misericordia” e l’abbondanza della Misericordia di Dio si manifesterà a chi la darete. Perciò, se Misericordia vogliamo, Misericordia offriamo, donando quello che abbiamo nel nostro cuore e nessuno potrà dire “io non ho ricevuto nessuna Misericordia”!

Buongiorno amici, Vi abbraccio fortemente con la mia misera Misericordia. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il distributore di perdono” di Dio. Amen

Pensiero del mattino 31 marzo 2018. Sabato Santo.

L’attesa…

Per alcuni l’attesa può essere estenuante, senza fine, che forza la pazienza ad essere fiduciosi. Per altri l’indifferenza assoluta, aspettando tempi maturi. Per altri avere tutto il tempo per accogliere ciò che porta. L’attesa ha dei giorni fissati che scadono nel tempo di Dio e chi li rispetta non viene chiamato inaffidabile. La parola data è sacra, venir meno distrugge la speranza. Che dire, aspettiamo e vediamo se il sepolcro rimarrà vuoto… e chi sta’ aspettando il Risorto non rimarrà deluso. Attendiamo fiduciosi, senza dubbi, ascoltiamo l’annuncio di Maria, la madre di Dio che ci dice: “mio Figlio Gesù è veramente Risorto!” Buon giorno amici, che dite: risorgerà? Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il trasportino di attesa” di Dio. Amen.

Pensiero del mattino 27 marzo 2018. Martedì della settimana Santa.

  • Ognuno crede di sapere tutto della vita privata altrui, sprecando giudizi senza pietà, ma dimenticando che il male che si semina ci si può ritorcere contro. Che gusto si prova ad appartenere a quella categoria di persone definite inaffidabili e scarto della loro stessa cattiveria? Ricordiamo che siamo nati per curare ed essere curati dalla società sana. Pentiamoci e rimettiamoci a scrivere una pagina nuova, senza trascinarci la falsità e la disonestà. Impariamo ad essere generosi e gentili. Diciamoci all’infinito “io devo comportarmi bene, io voglio essere migliore di come sono”. Sarà così che la grazia di Dio ci invaderà e ci libererà dagli invisibili attacchi di satana. Buona giornata di silenzio: Cristo è anche tuo. Vi benedico.

  • diacono don Emilio Cioffi, “lo sprovveduto” di Dio. Amen

Meditazione spirituale della Prima Domenica di Quaresima -18 febbraio 2018

Quinto giorno di Quaresima

In questo periodo particolare dell’anno, la chiesa madre ci porta a rivivere i quaranta giorni di isolamento dal mondo, vissuti nel deserto da Gesù, prima della Pasqua. Viviamolo intensamente, soprattutto abbandoniamoci come ha fatto Gesù, allo Spirito che guida e che porta sollievo. Gesù è stato tentato nel deserto noi veniamo tentati continuamente su questa terra che c’è stata donata per accudirla, per difenderla, per proteggerla, non discutiamo su cose che sono più grandi di noi, ma viviamo intensamente questo tempo con riflessione e digiuno; digiuno che può essere inteso anche come: perdonare chi non lo merita; come: farsi risentire da chi ti ha offeso; come: andare a trovare qualche familiare che da molto non vediamo… Le tentazioni sono forti e ci scatenano l’orgoglio che ci allontana dall’essere “uomo-creatura” di Dio, persone di preghiera, perciò, convertiamoci tutti e crediamo al Vangelo.

Piccolo pensiero Mariano

“Figli del dolore, consolatevi tra di voi, comportatevi bene tra di voi, se trovate qualche figlio desolato dategli una parola bella, consegnate a loro il cuore mio, parlate di me, di mio Figlio, non spaventatevi di fronte alle ingiustizie; l’ingiustizia serve a creare la giustizia, come la guerra serve a creare pace perché il bene vince sempre!” 

Buongiorno, amici,e buona domenica di Quaresima. Siamo generosi, proviamo ad essere più miti. Vi benedico, diacono Don Emilio Cioffi, “il tappetino”, di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della Sesta Domenica del Tempo Ordinario – 11 febbraio 2018 – Madonna di Lourdes

Conosciamo la verità sulla nostra fede? Siamo certi di aver capito il messaggio del Vangelo? Ogni giorno, ogni attimo ci viene proposta la Sacra Scrittura con letture ed esempi. Promettiamo e concediamo ad essa di entrare a far parte della nostra vita quotidiana, risvegliamo l’ardore della preghiera, l’ardore di pronunciare semplici parole che possano toccare il cuore amorevole di Gesù e di Maria! Rivolgiamoci sempre con sottomissione e con la speranza di avere, attraverso la preghiera, un futuro più dignitoso: chi non prega non spera! Anche la nostra malattia può essere una preghiera: se offriamo col cuore il nostro disagio fisico e spirituale, Dio ne terrà conto sia per un sollievo nel cammino terreno, sia per un futuro sicuro in cielo.

Piccola meditazione Mariana.

“Figli miei, rivelate al mondo l’amore di mio Figlio, che vi è stato donato, non trattenetelo, ma offritelo a chiunque incontrerete! Non confondetevi nella massa, ma siate esempi di amore, di pace, di perdono, mio Figlio Gesù vi ama tutti! Attraverso di me voi siete figli dello stesso amore, perciò lasciatevi condurre dallo spirito e ascoltate la voce della vostra coscienza che viene da Dio!”

Chi prega spera, chi non prega non può sperare e cerca di allontanare anche chi prega. Buongiorno, amici che sapete soffrire in silenzio! Vi benedico.

diacono Don Emilio Cioffi, il “Cicatrene” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della Quinta Domenica del Tempo Ordinario – 4 febbraio 2018

Le tentazioni sono come le delizie dei primi frutti di stagione che fanno gola, e chi ne viene a contatto dovrà combattere per non cedere. A volte diventa una impresa ardua, specialmente per chi, poi, non è disponibile a perdonarsi e a perdonare. Tutti veniamo tentati, ognuno cerca di superare come può. Viviamo nell’attenzione del Vangelo! Nella pagina di oggi si legge che Gesù si isola per riflettere, meditare e pregare. Chi di noi non viene preso dal desiderio della tentazione? Ma il Signore non ci ha lasciati da soli, ha predisposto, per chi si ravvede, il Santo perdono. Dietro ad ogni tentazione c’è una finta gioia seguita dalla sofferenza, ma se siamo pentiti ci sarà l’abbraccio di Gesù. Sentiamoci sempre figli del cielo.

Piccolo pensiero Mariano

“Figli dell’amore del Padre abbandonate il malcostume, riprendete in mano la speranza, e per mezzo di essa, della sua forza, attraverseremo l’inferno del peccato, del castigo. Ognuno si apra all’amore; mio Figlio è sempre pronto a lottare per non farvi ammalare di solitudine, di amarezze, di vizi, di perdizione. Io sono la madre Sua e madre vostra, pregate così: “Sostienici, Vergine Maria, in questo nuovo meraviglioso giorno e così sia”.

Buongiorno, amici, e buona domenica a tutti, mettiamo in pratica la verità. Vi benedico.

diacono don Emilio Cioffi, il “seminatore” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della Quarta Domenica del Tempo Ordinario – 28 gennaio 2018

Non ci sono più parole per dirvi se non: “riconosciamo Gesù, il figlio di Dio!” La nostra vita è senza emozione, Cristo è vissuto e vive e nessuno, anche il più potente della terra, può nascondere questa verità! Chi ci crede si salverà, chi non ci crede sì dannerá. Tutto ha un limite, questa generazione perversa non ha più pietà del povero, del debole, ovunque è guerra fratricida. Come finirà?

Piccola meditazione mariana:

“Figli miei la libertà che avete oggi è una libertà diabolica, una libertà che non ama la vita, è una libertà che vi porterà ad accusarvi l’uno con l’altro! Guardate intorno e vedete quanto male sta producendo questo libertinaggio; riconoscete mio Figlio, prostratevi davanti a lui se volete essere salvati: domani potrebbe essere troppo tardi”.

Buongiorno amici e buona domenica a tutti nella conversione! Vi benedico.

diacono Don Emilio Cioffi, “il bastonato” di Dio. Amen

Meditazione spirituale della seconda Domenica del Tempo Ordinario -14 gennaio 2018

Non bisogna stare lì ad aspettare l’ora in cui il Signore si rivelerà, perché ogni attimo, ogni momento ed in ogni gesto bello il Signore si rivela. Non bisogna troppo sforzarci per incontrarlo: è sempre, sempre presente nell’uomo. Ogni occasione è buona per incontrare il Signore che è sempre presente nella vita di ognuno; Lui non si nasconde ma si svela per essere amato e questo lo fa attraverso l’umile, il semplice, nella carità, nella misericordia. Cerchiamolo e Lui si farà trovare. Non bisogna dubitare che possa assentarsi dalla nostra vita. Desiderarlo è la chiave per incontrarlo. Perciò è inutile nascondersi dietro paraventi che non esistono, dietro giustificazioni che ci proponiamo per allontanarlo, il Signore è vivo in ogni azione buona che si compie!

Piccolo pensiero Mariano

“Figli del cielo, conservate la purezza del corpo, trattate bene la vostra vita perché così come vi comportate con voi stessi, così sarà la penitenza che affronterete nel futuro. Amate il vostro essere; la vostra presenza qui sulla Terra non è per caso ma progetto di Dio. Non trascurate di purificare l’anima, il corpo, attraverso piccoli sacrifici, affinché possiate vivere sereni sia su questo mondo sia un giorno nella Patria Eterna”.

Buongiorno amici cerchiamo di osservare e rispettare le leggi di Dio!

Vi benedico, diacono Don Emilio Cioffi, “l’operaio” di Dio. Amen.

Questi semplici pensieri potete trovarli anche sul sito www.lalucechecercavi.net

 

sia sul giornale on line “Futuro Molise”