Meditazione spirituale della XX domenica del Tempo Ordinario – 12 agosto 2018.

Troviamo quel tempo necessario per esprimere gratitudine a Dio per averci donato la vita, e perché attraverso la Sua Grazia ci fa gustare i frutti della terra e il senso della vita. Non possiamo non pensare a Lui che è l’autore di tutto il Creato buono.  Il male è invece conseguenza di altro male accettato dall’uomo. Lui permette in ognuno di noi la prova d’amore  che a volte può sembrare crudele, ma necessaria per purificarci. Dio rispetta la nostra libertà e ci lascia liberi di agire e di accogliere dentro di noi ciò vogliamo accogliere: il bene per il bene, il male per il male. Fortifichiamoci nella fede e nella convinzione che l’unica strada da percorrere è quella che ci porterà un giorno, quando Lui vorrà, verso l’Eternità.

Piccolo pensiero Mariano.

“Figli trascorrere del tempo dinanzi a mio Figlio Gesù per adorarlo è cosa buona. Non lasciatevi ingannare dal non avere tempo per farlo, ma trovate del tempo per farlo! La mano di mio Figlio e la mia sono sempre protese verso di voi con le Grazie di cui avete bisogno. Non potete pensare che la libertà dipende dal vostro tempo. Siate generosi nel donare tempo a chi tempo non ha e ha bisogno del vostro tempo per vivere. Anche fermarsi per un attimo a guardare un’immagine di mio Figlio è un segno di adorazione. Il tempo lungo non è per tutti”. Buongiorno, amici, e buona domenica, troviamo il tempo per andare a Messa e aiutare il nostro prossimo. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, il “brucia ore” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale del mattino della XVIII Domenica del Tempo Ordinario – 5 agosto 2018

Ringraziamo sempre il Signore Gesù per quello che ci dà. Mai far passare che tutto ci è dovuto. Ognuno ha molto da ringraziare iniziando dal dire “grazie Signore per lo scampato pericolo”. Questo è essere riconoscente per chi sa di cosa è stato capace Dio. Noi tutti abbiamo il dovere di riconoscere che Dio è il nostro vero bene e tutto dipende sempre dalla sua volontà. Lui fa passare vicino a noi il bene, ma lascia anche che passi il male, noi non dobbiamo fare altro che decidere cosa far entrare nel nostro cuore. La scelta di continuare a vivere per Lui si trova dovunque ci troviamo.

Piccolo pensiero Mariano.

“Cari figli amatissimi, la vostra gioia la troverete nel mio cuore, nulla può nascere di bello se nel cuore non c’è il bene proveniente dal Cielo. Siate favorevoli a Dio Padre. Lui vi ha donato me e mio figlio per vivere tra il bene e il male. Non siate spregevoli, ma amatevi con semplicità di cuore. Il futuro del domani sta’ in quello che farai oggi per ogni giorno. Vivere di pace non sia una cosa strana ma serva a far capire da quale parte stai. Gesù vi ama”.

Buona domenica a voi tutti fedeli cristiani. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il randagio” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della XX Domenica del Tempo Ordinario – 29 luglio 2018

Sacrifichiamoci per fortificare il bene, il rispetto, per vivere dignitosamente. Troviamo la strada giusta affinché ognuno di noi possa ascoltare la parola di Dio che illumina al momento giusto. Non troviamo scuse per non frequentare i luoghi di culto la domenica e i giorni festivi, per vivere nella dimensione spirituale che ci lega a Cristo, che è il Re e la centralità della nostra vita, affinché da lui e attraverso di lui, Dio conceda le grazie e il cibo dell’anima. Mai dimenticare che rimane sempre la preghiera, l’amore vicendevole e il dov’eravamo per non aver fatto del bene; chi non segue queste regole non può vivere che in sé stesso.

Piccola meditazione Mariana.

“Figli, vedete com’è bello guardare il cielo quando non ci sono nuvole che coprono la sua profondità, i suoi colori? Così deve essere anche la vostra anima: profonda, limpida, chiara! Il peccato è sempre rappresentato da Satana, e per ogni bestemmia, ogni insulto, ogni profanazione quell’azzurro diventa nero, fino a quando non viene coperto del tutto, fino a quando non spegne la vostra gioia, la vostra vita, il desiderio di amare. Accostatevi al Sacramento della confessione per riconciliarvi con mio Figlio Gesù, per far sì che l’azzurro del cielo riprenda possesso della vostra anima”.

Vi benedico. Buongiorno amici. Vi auguro tantissima Fede per superare ogni ostacolo! Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il segnalibro” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della XVI Domenica del Tempo Ordinario 22 luglio 2018

Chi ha fede è anche coraggioso e non si scoraggia perché c’è il desiderio di vincere, di superare gli ostacoli con l’aiuto del Signore. Come può essere vero chi non comprende la grande volontà di Dio? Siamo stati creati per essere forza di Dio, l’uno per l’altro troveremo il coraggio e avremo Fede. Se abbiamo Fede saremo figli.

Piccolo pensiero Mariano.

“Figli trovate la forza per riconquistare la vostra serenità, la vostra pace. Solo attraverso di me potete raggiungere la gioia dell’amore. Abbiate Misericordia verso i vostri fratelli più deboli che non hanno avuto la stessa possibilità che molti di voi hanno. Mai ribellarsi ai comandamenti di Dio, mio figlio ha dato la vita per voi.
Se cercate me io cercherò voi. Amatevi senza riserva”.

Buongiorno, amici, e buona Domenica. Ritorniamo ad essere veri figli di Dio. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il pescatore” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della XV Domenica del Tempo Ordinario – 15 luglio 2018

La gioia deve essere stabile, perché stabile è la presenza di Cristo in noi, attraverso la sua misericordia. La stabilità della gioia sta’ nel chiedere i sacramenti con fede, come il sacramento della confessione che tutti dovremmo fare. Come il sacramento della confermazione che alcuni ancora non hanno ricevuto. Come il sacramento del battesimo; per non dire poi il sacramento della comunione: l’Eucaristia che ci unisce a Cristo e completa la nostra misera umanità. Poi la gioia sarà piena se la nostra vita si completerà col sacramento della Infermità, olio Benedetto per gli ammalati, i morenti e per chi ha bisogno di conforto. Avvicinarsi a questi doni ci renderà sereni e gioiosi, altrimenti continuiamo a fare come abbiamo sempre fatto, la libertà sta anche in questo.

Piccolo pensiero Mariano

“Figli della Provvidenza, ascoltate e mettete in pratica le parole del Vangelo. Chi non lo fa non può comprendere la gioia eterna, la serenità terrena. Basta fermarsi e ascoltare ciò che mio figlio vuole dirvi, siate ascoltatori della parola e audaci nel metterla in pratica”.

Buongiorno, amici, viviamo per aiutarci. Vi benedico. diacono Don Emilio Cioffi, “l’inginocchiatoio” di Dio. Amen.

Vi ricordo l’adorazione eucaristica di questa sera a partire dalle ore 18:00 fino alle 19:00

 

 

 

Meditazione spirituale della XIV Domenica del Tempo Ordinario – 8 luglio 2018

La gloria di Dio si trova nella grandezza del suo Creato. Nessun uomo sulla Terra, può aver realizzato ciò che il creato ha, basta Alzare gli occhi e guardare lo splendore del suo cielo. Il firmamento, le stelle non possono essere state fatte dall’uomo, i suoi colori, la sua vita non sono stati creati dalla nostra superbia, basta vedere ciò che di bello accade davanti a te e questa è la prova che solo Lui, Dio, l’ha potuto creare. La bellezza della natura, lo splendore della sua luce, i suoi raggi che accarezzano i suoi fiori. Nessuno di noi deve avere dubbi di ciò che Dio ha creato. L’uomo tende sempre a distruggere il creato, a modificarne l’aspetto. Dio non ha paragoni.

Piccola meditazione Mariana

“Figli amatissimi, ascoltate e mettete in pratica il Vangelo. Meditate la parola di mio figlio giorno dopo giorno, non lasciatene nulla, ma conservatela nei vostri cuori, come tenere un amore per i propri figli. Mio Figlio Gesù, sa bene che il peccato avanza sempre di più per distruggere dove il suo amore passa, ma voi resistete e combattetelo con il perdono. La guerra del bene e del male ci sarà sempre, fino alla fine dei tempi. Non amareggiatevi, ma lasciate che mio Figlio lotti insieme a voi”.

Buongiorno, amici, buona domenica. Oggi mi trovo al santuario di San Gabriele dell’Addolorata. Pregherò per voi. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il dorme poco” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della XIII Domenica del Tempo Ordinario – 1 luglio 2018

La costanza nel fare le cose è segno di stabilità. Cercare di vivere secondo natura e’ seguire il creatore. Vivere solo nella propria dimensione, si esclude la grazia di Dio. Noi tutti dobbiamo partecipare in modo semplice alla vita quotidiana dell’amore. L’amore non è un treno che corre veloce, ma è un gustare il proprio tempo con sottomissione a Dio. Chi non vuole partecipare al regno di Dio è solo e non ha voglia di amare nessuno e tutte le scuse e i suoi pretesti diventano la sua forza per confondere i deboli. Cercate Dio in ogni cosa in ogni gesto e lasciate che la Sua potenza possa prendere possesso dei nostri giorni.

Piccola meditazione Mariana

“Figli, siate sempre pronti per essere chiamati al Cielo. Non permettete a nessuno di distrarvi dal regno del Cielo. Cristo, mio figlio Gesù, ha salvato questa umanità attraverso il suo sangue, la sua sofferenza e la mia accettazione al dolore. Chi di voi non si sente figlio non potrà sentire la mia maternità e quanto lo amo. I giorni avvenire si trasformeranno in lotte, in fuoco, in acqua; solo alzando lo sguardo al Cielo è possibile trovare la speranza. Siate figli come io sono Madre per Amore”.

Buongiorno, amici, buona domenica a tutti. Raccomando la santa messa è l’unico mezzo per guarire dalle nostre sofferenze spirituali. Talita kum!… Alzati! Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “l’autista personale” di Dio. Amen. Ave Maria.

Meditazione spirituale del 24 giugno 2018 – Solennità di San Giovanni Battista

Perché ignorare quello che si ha già nel proprio cuore? Aprirsi a Dio significa ascoltare la sua parola scritta nei libri sacri. Oggi la moltitudine non risponde con l’amore ma si limita a fare e a frequentare il minimo, giusto per accontentare l’anima, senza capire che anche su ciò che si trascura di Dio saremo giudicati. Cerchiamo di sforzarci, di essere parola viva con esempi veri, giusti e santi. Cristo è venuto per liberare i nostri cuori e approfondire in noi la parola che lui stesso ha proclamato. Tuttavia se è proprio necessario, ognuno scelga ciò che il proprio cuore annuncia, nella piena libertà. Cosa ci aspetterà alla fine dei nostri tempi, se non il frutto della nostra libera scelta?!

Piccolo pensiero Mariano.

“Figli, lasciatevi amalgamare attraverso e per mezzo dello spirito di mio figlio. La società è malata, e ha bisogno di cure urgenti, di essere ripresa prima che sia troppo tardi. Nulla deve perdersi di ciò per cui mio figlio è venuto sulla terra. Figli amatissimi il “Signore della terra” non ha nulla a che vedere con mio Figlio che è Padrone del Cielo e della Terra. Chi non accoglie mio figlio vive nell’errore più terribile come nella fornace dell’inferno. Figli, generate il bene e il bene troverete, nulla sarà perso se saprete gustare la presenza viva, eucaristica, della vita di mio figlio”.

Buongiorno amici e buona solennità di San Giovanni Battista. Vi benedico invocando abbondanti Grazie celestiali, dalla terra di Medjugorje.

Vostro diacono, don Emilio Cioffi, “il servo scalmanato” di Dio. Amen.

Meditazione spirituale della XI Domenica del Tempo Ordinario – 17 giugno 2018

La solitudine a volte è importante sentirla perché nella solitudine ripercorriamo tutta la nostra vita. È come camminare su una strada lunga che non finisce mai, però serve per riconciliarsi con Dio! Dio è la nostra forza e dobbiamo comprendere la sua presenza. Viviamo, nella lotta contro il male, appoggiandoci alla preghiera, facciamo in modo che la nostra preghiera diventi un bastone per caricarci sopra il nostro peso, la nostra solitudine. Cristo è la speranza di ognuno: vivere in lui e raccontarsi; e raccontare di lui a chi di lui non sa.

Piccola meditazione Mariana.

“Figli del mio cuore, lo sguardo di ognuno deve essere rivolto a mio figlio Gesù; chi non guarda al suo cuore non può guardare al futuro e il materialismo prenderà potere. Figli amatissimi trasformate le vostre giornate in preghiera per costruire una pace duratura: se manca la pace dove voi vivete è perché manca la preghiera dell’amore, fatta col cuore. Sottomettetevi al mio cuore, lasciate che il mio cuore possa entrare nelle vostre famiglie, nelle vostre case, per far sì che la presenza del mio cuore possa addolcire e convertire i cuori malati dal fumo del peccato. Mio Figlio è dove sono io e io sono con voi, se mi volete”.

Buongiorno, amici, buona domenica a tutti. Vi ricordo che questa sera c’è l’adorazione eucaristica dalle ore 18:00 alle ore 19:00 in diretta streaming. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “lo sprovveduto” di Dio. Amen.

Meditazione del mattino 10 giugno – X domenica del Tempo Ordinario

Cos’è che ci ostacola ad essere di Cristo a vivere intensamente la fede? Nessuno può sentirsi svincolato da questo cammino eterno, perché la vita dell’Eternità è qualcosa di straordinario che, se non capita, porta alla dannazione eterna! Chi di noi può sentirsi incapace di comprendere l’insegnamento di Gesù, se non quelli che rifiutano, che non accettano, che non credono. La bestemmia è un mezzo per distruggersi. La maggiore o peggiore bestemmia è quella di giudicare la profondità e la bontà del Dio altissimo. Ciascuno diventi forza e preghiera per chi non ce la fa o per chi non è disponibile nell’amare.

Piccolo pensiero Mariano

“Figli miei, non siate duri con voi stessi, ma lasciatevi convincere che il bene, può superare la tristezza. Gli affanni e le preoccupazioni, ricordatelo che tutto accetta mio figlio, tutto perdona mio Figlio: ad esclusione di ciò che voi non vorrete farvi perdonare. La chiesa sta attraversando un momento difficile, il male sta devastando la vigna di mio Figlio. Voi, figli miei, potete salvarla da tale rovina se sarete sentinelle per allontanare la devastazione. Si, figli, sentinelle vere, buone e caritatevoli, sopratutto tra di voi. Siate sentinelle, figli! Diventate guardie contro questa piaga infettiva, che si sta allargando a macchia d’olio, un vostro sguardo affettivo è come se fossi io stessa a farlo, figli miei”.

Buongiorno amici e buona domenica a tutti! Ecco diventiamo sentinelle della nostra famiglia, dei luoghi che frequentiamo, della Chiesa! Benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il soldato vigile” di Dio. Amen.