Segui la nostra diretta streaming

PROGRAMMAZIONE SETTIMANALE

Lunedì:     Rosario per la Pace in Famiglia – con don Emilio Cioffi          h 21:00

 

Martedì:

 

Mercoledì:

 

Giovedì:      Santo Rosario per i casi difficili e disperati                          h 21:00

 

Venerdì:     Adorazione della Croce e delle sette parole

                    di Gesù agonizzante                                                                 h 19:00

 

Sabato:     Adorazione serale per invocare la guarigione

                  del corpo e dello spirito                                                            h 21:00

 

 

Domenica:

 

II Domenica di Pasqua 23 aprile 2017 Festa della Divina Misericordia.

Crescete nell’amore di Dio. Non arrivate all’ultimo momento per la conversione; chi ha dubbio trovi la maniera per superare questo ostacolo, che non fa nient’altro che allontanarci dalla Misericordia di Dio. Siate forti nelle tentazioni; vincete il male con la preghiera, con l’abbandono totale al Cuore Misericordioso, a quel Cuore che si è lasciato trafiggere dalla Lancia crudele. Quella feritoia che ha lasciato è per tutti, ognuno può guardarci dentro e scoprire quanto è grande la Sua Misericordia! Toccate il vostro cuore e sentirete l’infinito Amore, è lì che troverete Lui.

Piccolo pensiero mariano…

“Figli, non abbiate paura di amare mio Figlio Gesù, Lui è così pieno d’amore che lo irradia su tutti voi attraverso la Sua Misericordia, voi potete incontrarlo sempre, basta che lo desiderate. Lui non ha vendetta: non vendetta, ma amore. Chiamatelo, chiamatelo, chiamatelo sempre. Chiamatelo, chiamatelo senza stancarvi mai, Lui arriverà, siatene certi”.
Buongiorno, amici, viviamo la Misericordia nella tranquillità. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi “l’assetato della Misericordia di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di sabato 22 aprile 2017

Fuggire è uguale a correre.

Cosa succede quando Dio ci mette alla prova? Spesso la prova a cui ci sottopone è proprio quella che noi vorremmo evitare; però la cosa bella è che anche se non dovessimo superarla Lui ci ama lo stesso, perché sa di che pasta siamo fatti! E’ ovvio che è meglio superarla, per rendere giustizia a Dio che ne sarà felice, ma, come si sa, la nostra carne è debole! Dice San Paolo: “quando sono debole è lì che divento forte”,  perché, anche se nella prova, quando si è deboli, il Signore stesso ci sostiene e ci aiuta. Viviamo in Dio ed è sicuro che nulla ci accadrà. Sicuramente, per Lui, vederci vittoriosi sul male è Il dono più bello che potremmo fargli… purtroppo la rettitudine non è cosa da tutti, né di tutti i giorni. Spesso comprendiamo bene solo dopo aver commesso il peccato, che potremo ripudiare solo col profondo pentimento e col proponimento di non farlo più. Non regaliamo la nostra anima al male, ma affidiamoci sempre a Dio e alla Sua Grandissima Misericordia. Il peccato, le tentazioni, le nostre debolezze umane sono la  nostra realtà quotidiana, ma bisogna riprendere il dominio di noi stessi! Vivere in pace con se stessi è più importante di tante parole fuori luogo! Buon giorno, amici, non facciamoci del male superfluo. VI benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il giardiniere di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di venerdì 21 aprile 2017

Peggio di così!!!

Se sei uno che è stato colpito da disgrazie economiche, di salute, di debiti, vai avanti amico colpito! Non diamola vinta alla malasorte, che crede di essere più forte della nostra fede: la preghiera amici, è l’amo che ci fa aggrappare alla salvezza dell’anima e del corpo. C’è una lotta di annullamento che colpisce per primi i disagiati e i poveri, ed è per questo che chi ha la possibilità di aiutare, e non lo fa, dovrà vedersela con Gesù Cristo! Mettiamoci nelle mani del Dio Altissimo e fidiamoci di Lui, lasciamoci andare alla Sua Provvidenza. Fidiamoci amici, non molliamo, ma combattiamo con l’arma della preghiera!
“Oh Maria, Madre di Dio, nostra unica Santa Garanzia, sciogli i nodi diabolici che mi tengono legato alla paura di non riuscire a farcela!” Sia questa una semplice preghiera per ridonarci speranza. Ma poi, alla fine, come la storia ci insegna, i ricchi avari potrebbero dover lasciare tutto ai poveri di Dio!
Buongiorno, amici ricchi di Dio! Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il portavalori di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di giovedì 20 aprile 2017

La superbia…

La cerniera tra umiltà e ragione è la calma. Molte sono le persone irrazionali che soffocano la propria vita con capricci inutili che non portano alla crescita, né mentale, né spirituale. La superbia non trova gradino che tenga… Sale sempre più in alto, dimenticando che mai potrà raggiungere il primo, dove regna sovrana l’umiltà di Dio! Amici, se in noi sentiamo pericolo di superbia, combattiamola subito senza pensarci sopra! E’ ovvio che per combatterla vanno assunte alcune pillole che si chiamano: “Umil-Deo” (da prendersi ogni volta che veniamo attaccati dalla superbia!). Ora affidiamo al cuore di Gesù questa giornata, per non cadere nel vortice dell’arroganza maliziosa. Buongiorno, amici. VI benedico.

diacono don emilio cioffi, “il tappetino di Dio” Amen.

Pensiero del mattino di mercoledì 19 aprile 2017

Meditiamo di più.

Fermiamoci di più a scrutare la natura, con più attenzione ci accorgeremo che custodisce tesori inesprimibili da far venire i brividi. Emozioniamoci di più nell’osservare l’esplosione di sfumature e di colori che lo spettacolo del Creato ci offre! Viviamo più a contatto con la nostra amata terra con passeggiate distensive e rilassanti; volgiamo lo sguardo al cielo per scoprire il suo immenso profondo blu… rosa, ...giallo, …rosso, …verde fino a scorrere tutta la tavolozza dei colori creati da Dio per farci sognare e vivere in simbiosi con ciò che ci circonda. “Grazie Gesù per avermi dato la vita, grazie Gesù per avermi liberato!” Si, amici, non stanchiamoci mai di ringraziare il Signore Gesù per il dono del perdono. Tutto è bello se ci affidiamo a Gesù e Maria, anche con gli ostacoli più duri. Con il Loro aiuto tutto si sopporta. Buongiorno, amici, e speriamo sempre in meglio. VI benedico.

Diacono don Emilio Cioffi,  “il contentissimo di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di martedì 18 aprile 2017


Va meglio!!!

È bello sapere che alcuni di noi che hanno sofferto alla domanda “come stai?” ti rispondono “ringraziando Dio va meglio”. Gioire del bene altrui è segno di apertura, cosi facendo si combatte la gelosia. Iniziamo a fare del bene e, per non sbagliare, facciamolo bene! Nessuno deve essere escluso dal nostro bene: donarlo ci riempie di saggezza di Dio. Amici, ci pensiamo che noi siamo stati creati ad immagine di Dio? Questo ci deve far sentire forti e belli, perciò dobbiamo gioire quando un altro si realizza… mai provare sentimenti di gelosia se vogliamo essere amati e apprezzati da Dio. Noi tutti siamo stati mandati da Dio per costruire la Pace. Via allora le beghe e i protagonismi, portiamo pace a tutti, se vogliamo essere chiamati figli di Dio!. Buongiorno, amici. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il trasportino di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di lunedì 17 aprile 2017

Non trascuriamo nessuno.

Liberiamoci amici, liberiamo il nostro cuore, doniamoci alla gioia, alla serenità. Non deturpiamo la nostra breve vita con musoni o con bronci. La vita è breve e il tempo che dedichiamo all’ inutilità è perso per sempre. Risorgere vuol dire ridare vita a ciò che era morto; se invece si continua con rancori e prepotenze significa morte, morte ai nostri giorni, morte alla nostra felicità. Andiamo avanti senza fermarci a dare importanza a parole sterili che non hanno senso. Vita significa “vivere in grazia di Dio”. Seguire il risorto tutti possiamo farlo, basta mettere in pratica ciò che piace a Lui! Facendo ciò, ci sentiremo liberi, ci sentiremo vivi.
Buongiorno di cuore. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, il “sappi attendere di Dio”. Amen.

Domenica di Resurrezione 16 aprile 2017

La vera gioia…

Perché rattristarsi oggi? il Figlio di Dio è risorto da morte e il nostro cuore deve gioire sapendo che la morte è stata sconfitta; ognuno di noi deve approfittare di questo momento di grazia in cui il Cristo è libero per renderci liberi! Siate gioiosi, non portate dolore a nessuno, ma gioia e letizia. In questo si manifesta la risurrezione di Gesù!

Piccolo pensiero Mariano.

Figli miei, la felicità che provo questa mattina è immensa, perché sono la mamma che abbraccia l’umanità, per amore del figlio mio Gesù, e per la gioia infinita siete tutti nelle mie braccia, nessuno escluso, anche chi non vuole essere amato da me e da mio figlio! la morte di mio figlio, il dolore di mio figlio, il sacrificio di mio figlio, si è trasformato in gioia: questa gioia la lascio anche a voi!

Buongiorno amici, buongiorno di cuore e pace a voi e a tutte le persone che portate nel vostro cuore: auguri di vera Pasqua!

Vostro diacono Emilio Cioffi

Pensiero del mattino del 15 aprile Sabato Santo. Viviamo l’attesa.

Buon giorno amici.

Questa mattina parliamo di amore per il prossimo. In che modo dimostriamo amore per gli altri? Forse che facendo gesti di affetto, magari anche forzati, dovremmo sentirci a posto? No, amici; nel dare l’amore Vero! La stessa persona si sposta verso il suo prossimo, verso tutti, senza farsi troppe domande. L’amore cerca sempre la strada per raggiungere chi amore non da’, se poi chi lo deve ricevere non lo vuole, a questo punto, lo si assorbe nel proprio cuore nel rispetto del silenzio. Gesù si è donato a tutti e a chi lo ha rifiutato lo ha solo assorbito nel suo cuore per amarlo lo stesso. Prendiamo esempio da LUI, per non chiuderci all’amore. Amici, diamo amore a tutti, per evitare di essere accusati di distruggere la possibilità a chi vuole amare in questa Santa Pasqua 2017. VI benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il donarsi a voi tutti, di Dio” Amen.

Pensiero del mattino del 14 aprile – Venerdi Santo: Gesù muore in croce.

Buon giorno amici…

Oggi in tutte le chiese del mondo, intorno alle 16 circa rivivremo la Crocifissione e morte di nostro Signore Gesù Cristo. Oggi è la giornata del silenzio, della preghiera, del digiuno e del dolore! Molti sono quelli che si accosteranno alla croce per sfiorare con delicatezza Il Crocifisso, quasi per accarezzarlo; altri con indifferenza andranno oltre.
Gesù sulla croce non ha pianto, ma ha sofferto per alleggerire i nostri dolori, i nostri peccati. Tutto passa, anche quelle vite moralmente disordinate e senza Dio. Dice Gesù nel suo lamento: “Popolo mio che male ti ho fatto? In che ti ho provocato? dammi risposta!” Amici cosa gli risponderemo? Che per colpa sua il mondo è alla rovina?! Non credo… Perdonaci Gesù per non averti preso seriamente quando il nostro cuore era distante da te, quando alle tue chiese abbiamo preferito solo bar, sala giochi, stadio… quando Dio era solo cercar di fare soldi, successo. Ora eccoci qui, ridotti interiormente a brandelli, per chiederti: “ricordati di me quando sarai in paradiso”. Amici, chiediamo perdono per evitare di essere colui o colei che ha messo in croce nostro Signore in questa Santa Pasqua 2017. VI benedico.

Diacono don Emilio Cioffi “il chiedo perdono a voi tutti di Dio. Amen.