Segui la nostra diretta streaming

 

PROGRAMMAZIONE SETTIMANALE

Lunedì:     Rosario per la Pace in Famiglia – con don Emilio Cioffi          h 21:30

Martedì:

Mercoledì:

Giovedì:      Santo Rosario per i casi difficili e disperati                          h 21:30

Venerdì:     Adorazione della Croce e delle sette parole

                    di Gesù agonizzante                                                                 h 19:00

Sabato:     Adorazione serale per invocare la guarigione

                  del corpo e dello spirito                                                            h 21:30

 

Domenica:

Pensiero del mattino di Lunedì 5 Dicembre 2016

gattoScreditare mai.

Se ce l’abbiamo con qualcuno, bisogna chiarire, senza far squillare la voce. La nostra esuberanza non porta a farci amare, ma ad allontanare chi ha un modo diverso dal nostro di comportarsi. Non è necessario essere troppo appiccicosi con familiari ed amici; evitiamo di andare in giro a seminare divisioni… tanto si sa che poi tutto viene riferito e dopo non possiamo pretendere che tutto torni come prima. E’ mai possibile che non riusciamo a vivere in pace con tutti? Questa è una domanda che dobbiamo porci per essere giusti. Perché dobbiamo necessariamente avere dei nemici? Alla dolcissima Maria Immacolata non piace il nostro modo di vivere. Quante Ave Mare perse se non cambiamo atteggiamento ed abitudini! Come andare in giro a chiedere chi è Tizio e chi è Caio, per poi farsi dare risposte da persone che anziché unire continuano a dividere. Diamoci una mossa amici, svegliamoci e amiamo tutti! Il di più viene da Satana. Maria Immacolata liberaci dai giudizi temerari! Buongiorno, amici, le nostre risposte cerchiamole in ginocchi davanti al tabernacolo! Vi benedico.

Diacono don Emilio Ciuffi, “il gastroenterologo di Dio”. Amen.

Meditazione della Seconda Domenica di Avvento 4 Dicembre 2016

SoleLa liturgia di oggi ci consiglia di preparare il nostro cuore ad accogliere il Cristo che nasce da Maria sempre Vergine. Non fate entrare nel vostro cuore cose che non appartengono all’amore. Siate di ognuno, siate amorevoli tra voi, passandovi la gioia della fede. Chi non ama, non spera e quindi il Natale rimane solo momento di esibizionismo. Cristo nasce solo nei cuori miti.

Piccolo pensiero mariano.

“Figli carissimi, la gioia di sapere che mio Figlio giace nel mio grembo è immensa. Figli, fate in modo che i vostri cuori siano ricolmi dell’amore di mio Figlio. Siate figli dell’amore, non avvicinatevi dove regna la gioia se avete un cuore iniquo; prima mandate via questo male che non porta che odio e poi tornate con un cuore pulito e sincero, così io e mio Figlio dimoreremo in voi per sempre”.

Buongiorno, amici, vi ricordo che oggi è la seconda domenica di avvento, il vostro parroco vi aspetta. Vi benedico.

Diacono don Emilio Ciuffi, “l’uomo di Dio che vuole perdonare sempre”. Amen.

Pensiero del mattino di Mercoledì 19 ottobre 2016

NinfeecEvita, se puoi.

Cosa ci chiede Gesù questa mattina? Sicuramente di evitare le occasioni sbagliate e di essere pazienti. La virtù di una persona che ha voglia di stare in pace, è quella di tenere duro di fronte a qualsiasi situazione negativa; anche se fosse una violenza verbale, bisogna far finta di non aver sentito. Amici, chi è di Cristo non va in giro a portare disagi, ma affronta la vita con sottomissione e abnegazione, senza agitazioni. Il proprio nemico non ha faccia, non ha vergogna né freni inibitori, quindi non gli va data tanta importanza. Amiamo la virtù della pazienza: alle altre cose ci pensa nostro Signore Gesù Cristo. Che bello sentirsi amati da Gesù! Che brutto sarebbe sentirsi amati dal diavolo! Cose belle e buone… fatti stupidi e volgari… il bene vince sempre. Buona giornata a voi che non offendete nessuno. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “l’offro e soffro in silenzio di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di Martedi 18 Ottobre 2016

acquaEsame di coscienza.

Proviamo a guardarci dentro con onestà e facciamoci l’autocritica, ci accorgeremo che, alla fine, siamo peggio di chi giudichiamo o accusiamo. Iniziamo con umiltà, lentamente e semplicemente questo percorso di confronto. Accusiamo il prossimo di accattonaggio, ma noi che cosa seminiamo? Accusiamo gli altri di essere bugiardi e disonesti, ma noi chi frequentiamo? Giudichiamo gli altri di essere falsi e ipocriti, ma noi di che libertà godiamo?Parliamo male col primo che capita, ma dalle nostre bocche che profumo emaniamo? Ecco che siamo solo traditori che tradiscono per il piacere di tradire, dimenticandosi magari del bene ricevuto e che abbiamo avidamente acchiappato. Tutti possiamo sbagliare, essere disonesti, calunniatori e bugiardi. Allora che senso ha farsi belli se poi belli non siamo? Sepolcri imbiancati! Belli fuori e col cadavere putrido dentro! “Chi è senza peccato scagli la prima pietra”! La verità è ben altra: è che quando la volpe non arriva all’uva, dice che è acerba! Si, amici, smettiamo di essere ipocriti e pensiamo a conquistare  il Paradiso, non i falsi amici che ci portano a sbagliare. Questi non fanno altro che far dannare la nostra povera anima. Ora andiamo, senza danneggiare il nostro prossimo! Buongiorno amici, ricordiamo che il nostro bene resta nel cuore, il loro male ci scivola addosso, semplicemente perché sappiamo sempre perdonare. W la libertà di agire. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il capolavoro di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di Lunedì 17 Ottobre 2016

14725546_10piantaL’amore si trasforma in tante maniere. A volte diventa anche cattivo, ma appena viene tolta la crosticina subito sgorga l’amore divino. Chi ha nel cuore l’amore tutto supera, perché il dono dell’amore è la sopportazione. Ecco perché a volte succedono le incomprensioni, perché il linguaggio dell’amore non tutti lo conoscono. Impariamo a gestire gli impulsi negativi come: gridare, impiegare il nostro tempo in offese, sparlare, rubare, tradire, ed essere pieni di vizi. Queste cose non possono essere amore. Ora, se non vogliamo essere noiosi,  lasciamo perdere di litigare con l’amore. Buongiorno, amici, la vita non ha vincitori, ma solo grandi illusioni. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “l’uomo di poca fiducia di Dio”. Amen.

Meditazione della XXIX Domenica del Tempo Ordinario   16 Ottobre 2016

Sole.Farsi da parte non significa non farsi valere, ma dare spazio agli altri. La nostra partecipazione al mistero di Dio sta nel sentirsi  inutile anche dopo lunga fatica e dopo aver dato tanto. Farsi da parte lascia spazio a chi potrebbe fare di meglio. Non sentiamoci distrutti da ciò, ma diamo dimostrazione di umiltà. Mettersi da parte ci valorizza di più, non crea rottura con nessuno e porta giustizia dove non si capisce.. Fidiamoci su ciò che dispone il nostro Dio su ciascuno di noi.

Piccolo pensiero mariano.

“Figli amatissimi, guardatevi dal praticare vizi che fanno fuggire la Grazia. Figli, il mondo non ha nulla che possa dare speranza, visto che la distrugge. Siate veri, giusti e santi. In questo, mio Figlio si rivela a voi che amate la pace. Donatevi a me, figli, per non essere divorati dall’orgoglio diabolico”. Buongiorno e buona domenica, e organizzatevi per andare a messa. Vi benedico.

Diacono don EmilioCioffi, “il ramoscello d’ulivo di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di Sabato 15 Ottobre 2016

Pianta.Basta vivere male!

Mai credere che gli altri contano meno di noi, che il mondo sia stato creato solo per noi. Dio non ci fa più paura? Peggio per noi. Credere, non credere… mi fido, non mi fido. Come viviamo male! Chi ce lo fa fare a pensare che tutto ruota intorno a noi! Dio è presente in ogni nostra azione: è glorificato da quelle buone e crocifisso da quelle cattive. Da Lui sgorga solo amore e pace, e soffre se offendiamo. Vivere in pace non è difficile, basta non fare del male. Ora, questa mattinata anziché bruciarla, facciamo in modo di riuscire a fare del bene, anche a chi bene non fa. Difficile però è la strada giusta, se da Dio vogliamo farci amare. Con coraggio vi invito a pregare un Pater, un’ Ave e un Gloria per chi non sta in pace. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il raccogli cocci di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di Venerdì 14 Ottobre 2016

piantaLasciamoli liberi…

Non mettiamoci contro nessuno, evitiamo di trovarci a parlare di persone che non sono presenti. Se abbiamo bisogno di risposte rivolgiamoci direttamente alla fonte. Se ci rivolgiamo solo a Dio, è cosa buona e non sbagliamo mai! Dio è nostro amico: chiedergli il dono della pazienza per certe incomprensioni è segno di maturità ed umiltà. Restiamo stabili nella buona educazione ed evitiamo di fare delle distinzioni di simpatia o antipatia. Dio ci dice che siamo tutti uguali, tutti siamo figli dello stesso padre! Ora se ci capita di dover sopportare qualcuno che vive negli stessi luoghi che frequentiamo, non ne facciamo un problema, ma usiamo sempre la stessa educazione che useremmo con chi ci piace stare. Andiamo avanti, amici, andiamo avanti senza lasciare traccia di cattivo esempio. Non diamo troppo retta alle chiacchiere delle bocche mielate, che non fanno altro che infastidire dovunque passano e credono di aver convinto gli altri che essi sono sani di “mente”.  Ora vi lascio con cuore sincero. Buona giornata d’amore. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il carretto di cose inutili di Dio”. Amen.

Pensiero del mattino di Giovedì 13 Ottobre 2016

ciclaminiChe cosa dici?

Ci capita di sentire delle discussioni dove prevale spesso il torto, perché chi litiga vuole avere per forza ragione anche se non ne ha. Non mettiamo mai “carne a cuocere”. Si dice che il disaccordo è un’arma a doppio taglio e serve come scusa per cominciare a litigare. Dobbiamo sempre calmarci e usare il buon senso, usando la santa pazienza per evitare il peggio…. D’altronde si dice che la verità arriva da sola e la conosce solo il Signore Dio. Evitiamo di dover dare delle stupide spiegazioni ad un giudice e di fare figuracce davanti a Dio. Amici, andare d’accordo con i presuntuosi e gli arroganti è un pregio che non viene mai dimenticato. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il sordomuto per amore di Dio”. Amen.

 

Pensiero del mattino di Mercoledì 12 Ottobre 2016

don EmilioCome siamo cambiati!

Certo che guardando indietro nel nostro tempo, ci viene la voglia di portare la mano alla fronte e dire: “mamma mia, come sono cambiato!” Per molti di noi c’è anche la novità di qualche ruga in più e del cambiamento del colore dei capelli… un colore diverso, delicato che si è lentamente presentato; senza prepotenza, il bianco si è mescolato al nostro vivace colore di capelli. Si, tutti cambiamo, tutti siamo oggetti di trasformazione del corpo e anche del carattere. Alcuni incattiviti per le molteplici delusioni, altri chiusi per le grandi amarezze, altri, pur stando bene e senza pensieri, non vivono serenamente. Certo che la vita ci cambia senza risparmiarci nulla, bastonandoci, accarezzandoci, insegnandoci molte cose belle e meno belle, senza sconti per nessuno. Perciò amici, pretendiamo un mondo migliore, giusto e generoso, prima che arrivi il nostro giorno e, se non ci disturba,  riportiamo l’equilibrio dove la tempesta pensa di aver vinto! Buongiorno amici simpatici, non bruciamo la nostra vita! Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il cocciuto simpatico di Dio”. Amen.