Meditazione spirituale di domenica 20 maggio 2018 – Giorno di Pentecoste

Invocate lo Spirito Santo affinché possa scendere dal cielo. Gustate la presenza dello Spirito, Lui vi suggerirà tutto ciò che dovete fare e come farlo. Non perdete tempo, ma piuttosto passate il tempo ad invocarlo; farlo é come quando si ha voglia di bere acqua fresca, acqua gelida, acqua pura che disseta la nostra arsura. Si, così é necessario fare. Se ciò non avverrà, non potrete mai gustare la presenza del Signore, il figlio di Dio. Sia la vostra preghiera a far avvicinare lo Spirito Santo; Maria, nostra garanzia, è lei che apre le porte del cielo per far sì che lo Spirito Santo ci raggiunga. Chiamatelo sempre, sia di notte che di giorno, ed egli arriverà.

Piccolo pensiero Mariano

“Figli miei, la forza che regge la parola di mio Figlio è lo Spirito Santo e chi vuole comprenderne e sentirne il valore, il significato, deve essere illuminato dal “Fuoco”, detto anche “Paraclito”, che chiamato arriverà sempre. Lui non si fa vedere, ma agisce. Lui non è visibile però vi fa assaporare i Suoi frutti. Io sono la Madre del Fuoco Vivo, del Fuoco che terrorizza i demoni, la Madre di voi tutti. Vi benedico con lo Spirito Santo”.

Buongiorno, amici, buona Pentecoste. Invochiamo insieme lo Spirito Santo per unirci nel Signore Gesù. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “Il cercatore di profondità” di Dio. Amen.

 

 

 
 
Precedente Pensiero del mattino di sabato 19 maggio 2018 Successivo Pensiero del mattino di lunedi 21 maggio 2018

Lascia un commento


*