Pensiero del mattino di martedì 26 giugno 2018

Molti di noi sono stati contaminati dalla superficialità, dall’ipocrisia, a comportarci asseconda di come va il tempo. Alcuni di noi credono di non aver bisogno di nessuno, eppure Il Signore Dio misericordioso ha cercato di mettere l’uomo a confronto con un altro suo essere, per confronto e parere. Cosa può averci cambiato, forse il benessere o la voglia di potere? Voliamo più in alto per essere veri, giusti, puliti e leali; per non essere annoverati tra i prepotenti. Cosa può aver ostacolato la nostra crescita spirituale, se non la poca voglia di nutrirci della parola di Dio! Si, amici, siamo diventati anoressici della parola di Dio, non avendo più bisogno della sua parola, dei suoi consigli, perché pensiamo di fare tutto da soli e se capita di vivere dei momenti spirituali, diventando così “cristiani occasionali” “cristiani del momento” “Cristiani per un giorno, o qualche giorno”. Poi tutto torna come prima, forse anche peggio. Cos’è che non ci fa crescere spiritualmente? Perché? Buongiorno amici, vi auguro una serena partecipazione alle cose di Dio. Vi benedico.

Diacono don Emilio Cioffi, “il manovale” di Dio. Amen.

 

Precedente Pensiero del mattino di lunedì 25 giugno 2018. Successivo Pensiero del mattino di mercoledì 27 giugno 2018

Lascia un commento


*